Padel: domenica 28 giugno inizia il campionato

Carlo Ruffoni al Quanta Club

Cos’hanno in comune Roberto Mancini, il principe Alberto di Monaco, Amadeus e Neri Marcorè? Giocano a padel! L’elenco dei vip che praticano questo sport è lunghissimo: c’è chi, come Francesco Totti, si è fatto installare un campo nel giardino di casa. Con testimonial di questo calibro, il boom del padel degli ultimi anni non stupisce: “Non è l’unico motivo – ci racconta Carlo Ruffoni, classe ’82, istruttore e giocatore del Quanta Club – ma certamente aiuta. Quello che attrae un sempre maggior numero di persone è anche la natura stessa di questo sport, molto divertente, inclusivo e tecnicamente stimolante: le sponde rendono il gioco molto vario, è difficile chiudere il punto”.

DOMENICA ESORDIO CONTRO PORDENONE

Nei due campi di padel del Quanta Club si allenano e giocano circa 50 praticanti, tornati “operativi” dopo i lunghi mesi di lockdown. La punta dell’iceberg è rappresentata dalla squadra che partecipa al campionato di serie C: “Domenica alle 17 si comincia – spiega Ruffoni – esordio in casa contro Pordenone. Giocheremo poi contro Vicenza e il derby in Comasina. La rosa è composta da 14 giocatori, tra maschi e femmine. Primo obiettivo: centrare i playoff”.

LA ROSA DEL QUANTA CLUB: C’E’ ANCHE CAMBIASSO

Oltre a Carlo Ruffoni scenderanno in campo per difendere i colori rossoblu anche: Josè Luis Ovando, Karin Cappelletti, Alberta Brianti, Guglielmo Capobianco, Matteo Giovanni Tebaldini, Angela Alessi, Maurizio Zarini, Andrea Pareschi, Chiara Dalbon, Cinzia Cherubini, Roberto d’Ippolito, Laura Tonetti e Esteban Cambiasso (non è un caso di omonimia: è proprio l’ex campione dell’Inter, stregato dal padel fin da tempi non sospetti!).