2016-18 – Un sogno in continua evoluzione

Questi ultimi anni sono stati caratterizzati da importanti novità, come la creazione di 2 campi da paddle, coperti e riscaldati durante l’autunno/inverno e scoperti nei mesi estivi. Da settembre 2017, inoltre il Club ha scelto di essere vicino al mondo ecosostenibile, grazie all’installazione di due postazioni per la ricarica di auto elettriche.

 

 

2014-2015  – I primi a Milano per qualità delle strutture

Il 2014 è segnato da un progetto innovativo: la costruzione di un nuovo complesso dedicato al Fitness. A maggio 2015 si inaugura il Fitness Center, 2000 mq distribuiti su 5 livelli e il Quanta Village diventa Quanta Club, aperto al pubblico ma con spazi riservata ai soci. A giugni dello stesso anno viene completato il restyling della Club House, luogo di ritrovo e svago per i Soci.

Con questi ultimi investimenti il Quanta Club si attesta come il primo centro a Milano per la qualità delle strutture.

2012-13 – Arriva il Fisiomed e l’offerta Tennis si amplia

Nel 2012 i campi da beach volley salgono a 4 e viene inaugurato Quanta Fisiomed, poliambulatorio specializzato in fisioterapia, medicina dello sport e riabilitazione; nel 2013, invece, aumenta a 5 il numero dei campi da beach volley e vengono creati 4 nuovi campi da tennis in Clay Tech, facendo diventare il Quanta una delle prime strutture in Italia ad utilizzare questa tipologia di campi all’avanguardia.

 

 

2010 – Il tennis cresce a Milano

Il 2010 vede l’inaugurazione dei campi da tennis in Play-it e, soprattutto, del campo centrale con tribuna da 800 posti a sedere.

2008 – Dal dopolavoro al Lavoro

Dopo due anni di lavori, il 2008 rappresenta l’anno di apertura del Building, la palazzina in cui viene trasferito l’Headquarter milanese del Gruppo Quanta.

Tutti i campi da tennis vengono protetti con palloni pressostatici nel periodo invernale e vengono realizzati i primi campi da beach volley. La location è sempre più utilizzata per l’organizzazione di Eventi aziendali. 

 

 

1998 – La famiglia Quintavalle

Il 1998 segna l’acquisizione dell’intera area da parte della Famiglia Quintavalle e l’avvio di una importante storia di bonifica, ristrutturazione e ampliamento. Con la famiglia Quintavalle nasce il Quanta Village.

In pochissimo tempo il numero delle strutture viene modificato. Parallelamente all’implementazione delle strutture cresce anche l’organizzazione e lo staff interno, con la valorizzazione della Club House e la creazione di un’offerta sportiva di primo livello: in tutta Milano quella del Village è la prima struttura ad avere dei campi da calcio in erba sintetica.

Il dopolavoro della Milano degli anni 40

L’area del Quanta Club era occupata dal dopolavoro della Montedison.

La struttura contava allora 7 campi da tennis in terra rossa, 3 in mateco, la piscina, una bocciofila e un campo da calcio a 11 con pista di atletica. Il campo, prima dell’apertura di Milanello, era frequentemente utilizzato dal Milan di Nereo Rocco.

 

 

Il progetto

Tutto il progetto nasce dalla passione e dalla storia che unisce la famiglia Quintavalle al Tennis Italiano. In particolare al capostipite Ferruccio Illo Quintavalle (1914–1998) che è stato un campione e un importante imprenditore italiano; conquistò per quattro volte (1933-1935-1936-1937) con Valentino Taroni e altre due in doppio misto il titolo italiano di tennis, arrivando alle semifinali nella Coppa Davis 1934 e nel 1952 come capitano vinse la zona europea della Coppa Davis. Direttore generale della Bianchi, inventò il marchio automobilistico Autobianchi. A lui si ispira il Quanta Club, tra sport e lavoro…