top
Scopri il nuovo numero del nostro magazine Next.
2/7/2022
 • 
Sport
 - 
Nuoto

Mai così tante medaglie

Mai così tante medaglie

Paolo Berrettini elogia il momento d’oro dei nuotatori del Quanta Club: «Ora, però, voglio vincere ai campionati nazionali»

La tranquillità di sentirsi coccolati da una parte, un team di giovani promesse in rampa di lancio dall’altra. Ha una duplice faccia l’attività del nuoto in seno al Quanta Club. Perché se è vero che da una parte c’è tutto un mondo, quello dei soci, che racchiude in sé armonia, spensieratezza, professionalità e il sentirsi amati, dall’altra c’è un’agonistica che promette davvero bene. Ne abbiamo parlato con Paolo Berrettini, Team Leader della sezione nuoto; un atto dovuto, visti i grandi risultati sportivi degli ultimi periodi. Sono infatti finite nella bacheca del Quanta Club (e al collo dei singoli ragazzi) ben sette medaglie, tutte provenienti dai recenti campionati regionali: «Il risultato tangibile dell’evoluzione degli ultimi anni dei due settori, nuoto e pallanuoto - ammette Paolo Berrettini - mai prima d’ora avevamo conquistato così tante medaglie, nemmeno mettendo assieme tutte quelle degli anni passati. Sono numeri importanti, che dimostrano la crescita dei nostri piccoli atleti e soprattutto la qualità della preparazione che si può percepire al Quanta Club, per i soci e non». Numeri del nuoto al quale si affiancano quelli della pallanuoto: «Soprattutto tra i più piccoli c’è molta voglia di fare e di emergere - prosegue Paolo Berrettini - e poi ci sono anche storie simpatiche, come quella della giocatrice dell’Under 13, unica femmina su18 maschi. Le dico sempre: ‘Fatti rispettare, mi raccomando, anche se oggettivamente non ne avrebbe bisogno».  Il prossimo step è crescere ancora, nell’agonistica ma anche nella gestione del servizio per i soci: «Vogliamo portare le nostre squadre al livello successivo, soprattutto il nuoto agonistico; un gradino in avanti vero, fatto di concretezza - prosegue ancora Berrettini - e ai soci dico: qui da noi c’è una componente fondamentale, la tranquillità caratteristica. Quale migliore posto dove sentirsi coccolati?». E il sogno per l’agonistica? «Ottenere medaglie ai campionati nazionali giovanili di nuoto».

 

MATTEO MUSSO SUPERSTAR, MA CRESCE ANCHELA PALLANUOTO

La vera stella del momento è Matteo Musso, classe 2004, che si è qualificato ai campionati assoluti di Roma dopo aver vinto medaglie d’oro ai regionali nei 50, 100 e 200 metri delfino, oltre all’argento nei 50 metri dorso. Qualificati ai recenti campionati italiani giovanili Livo Vaccaro, classe 2003, che si è portato a casa l’argento sui 200 misti. Gloria anche per il 2000 Nicolò Casati e la 2002 Ilaria Lanzotti, medaglie di bronzo rispettivamente sui 1500 stile libero e sui 400 stile libero. Il settore della pallanuoto, infine, ha ricominciato la sua attività dopo i due anni di stop imposti dalla federazione; al via tre squadre: Under 13, 17 e Master. Ma Luca Pozzoni, il tecnico di quest’ultima, è già al lavoro per l’anno prossimo, perché il progetto è grande. Creare una squadra di vertice, partendo dai tre team e gli oltre 60 atleti attualmente in gruppo.

No items found.

Continua la lettura

Entra nella community degli sportivi per natura.
Grazie!
Abbiamo ricevuto la tua iscrizione alla nostra community!
Oops! Qualcosa è andato storto durante l'invio del modulo.

Cerca nel sito