top
Scopri il nuovo numero del nostro magazine Next.
17/10/2022
 • 
Club
 - 
Hockey

«Vi stupiremo con la milanesità»

«Vi stupiremo con la milanesità»

Il GM Claudio Mantese: «Vi svelo cosa c’è dietro al nostro progetto»

«Siamo anche quest’anno una squadra competitiva». Ha la voce decisa, Claudio Mantese. Come quella di chi ha messo a segno il gol-scudetto all'overtime di gara-5 della finale del 2019 contro Vicenza, una rete rimasta nella storia dell’HC Milano. Del quale, oggi, è General Manager: «La conferma da parte della famiglia Quintavalle di voler continuare ad investire ci ha dato la possibilità di costruire una rosa che può provare a vincere in Italia e in Europa».

Parole decise, forti. Ma vere, perché i nomi dei nuovi arrivati sono davvero importanti: dal ritorno di Matteo Barsanti ad Andrea Bellini, ma anche Jakub Bernad, Alessio Lettera eJulien Thomas. «Spendo due parole per Jakub - precisa - mi fa piacere abbia deciso di sposare la nostra causa. L’avevo conosciuto quando vivevo e giocavo in Repubblica Ceca e posso dire che, oltre ad essere uno dei più bravi di questo sport, è anche un ragazzo d’oro, che può dare un valore aggiunto anche in termini di personalità». E poi c’è il ritorno di Matteo Barsanti, dopo un anno sabbatico lontano da Milano: «Che ci fa enormemente piacere -conferma ancora il GM del club - perché fa parte di un gruppo di lavoro che ha vinto tanto e ha portato Milano in alto».

C’è grande interesse per vedere all’opera Julien Thomas, uno che di trofei ne ha portati a casa davvero tanti all’estero: «Non è più un ragazzino ma ha vinto tutto e ha personalità; giocatori come lui, Bernad, Barsanti, Fiala e tutto il gruppo della prima squadra, potranno far crescere i giovani che abbiamo in rosa, per avere un mix di professionalità e qualità anche nei momenti topici di quella che si preannuncia davvero una lunga stagione».

A dirigere l’orchestra ci sarà il nuovo coach, Gianluca Tomasello: «L’idea è di riappropriarci dei valori milanesi e anche Gianluca, al pari di Barsanti, rappresenta questo; crediamo sia un acquisto di qualità. E poi, oltre ad essere stato uno dei più importanti atleti di questo sport, è di Milano e ci fa piacere avere una guida meneghina».

E il sogno per il futuro? «Avere la continuità necessaria per costruire, dentro parametri economici precisi e anno dopo anno, un nuovo dream team. Quando ho cominciato l’anno scorso la squadra doveva essere rifondata e così è stato. Quest’anno abbiamo vissuto un ulteriore scossone dovuto in parte a scelte di alcuni giocatori, in parte alla volontà di costruire attorno alla milanesità la squadra. Ci piacerebbe dare continuità a questo progetto e che l’anno prossimo questo gruppo possa essere semplicemente ritoccato con innesti di qualità».

No items found.

Continua la lettura

Entra nella community degli sportivi per natura.
Grazie!
Abbiamo ricevuto la tua iscrizione alla nostra community!
Oops! Qualcosa è andato storto durante l'invio del modulo.

Cerca nel sito